Mondelez. Firmato l’integrativo per le tre sedi italiane

integrativo24-01-2019 – Dopo circa un anno di trattative è stato sottoscritto il contratto integrativo del Gruppo Mondelez per le tre sedi italiane – Milano, Capriata d’Orba (AL) e Caramagna (CN) – che occupano 1.000 dipendenti. Per essi sono state individuate misure occupazionali comuni, volte a dare stabilità ai contratti di lavoro, accrescere il welfare aziendale e offrire maggiori garanzie per il futuro.
Per quanto riguarda i contratti a tempo indeterminato, il Gruppo conferma i lavoratori già assunti secondo lo schema contratto a tempo determinato/contratto a tempo indeterminato part-time verticale/contratto a tempo pieno; previsti contratti a tempo determinato per soddisfare esigenze temporanee e contratti stagionali in particolare per lo stabilimento di Caramagna, dove vengono realizzati i prodotti a marchio Fattorie Osella,

Il Gruppo Mondelez investe in formazione per accelerare la specializzazione e permettere ai dipendenti professionalmente preparati di crescere e fare carriera interna.
Molto spazio al welfare con l’inserimento nella sede di Milano dello smart working con la possibilità di lavorare da casa fino a 4 giorni al mese, mentre per le altre sedi è prevista una maggiore elasticità degli orari di lavoro, in sintonia con le esigenze organizzative e produttive dei siti.
Sempre in riferimento ai servizi, sono state concesse due settimane di congedo retribuito ai papà; per le neo mamme è prevista una maggiore flessibilità per agevolare il loro rientro al lavoro e l’inserimento dei figli  nell’asilo nido, nonché ulteriori giorni di permesso (oltre quelli già previsti) in caso di malattia dei figli o per esigenze di salute del coniuge o di parenti prossimi. Sempre in tema di permessi per cura e assistenza, sono stati concordati 3 giorni di permesso retribuito all’anno per visite mediche del dipendente, del figlio minorenne, del coniuge o convivente oppure per l’assistenza di familiari di età superiore ai 65 anni non autosufficienti. Migliorate e ampliate anche le borse di studio per l’apprendimento della lingua inglese presso un college inglese per i figli dei dipendenti.
È stata inoltre ampliata la casistica in cui è possibile richiedere l’anticipo del TFR in caso di dipendenti affetti da gravi malattie, ed è stata allestita una Piattaforma aziendale che offre servizi di previdenza e assicurativi alla quale i dipendenti possono destinare una parte del premio, integrata da una quota a carico dell’azienda.

 

 

Precedente Manifestazione d'interesse Comune di Boscoreale (NA)
Il prossimo Vandalismi. Le telecamere non sono un deterrente

Autore

Potrebbe piacerti anche

Aziende 0 Commenti

Ferrero apre uno stabilimento in Cina

02-10-2015 – Era un progetto di Michele Ferrero che lo aveva approvato nel 2013 senza poterne vedere la realizzazione e che è stato appena inaugurato da suo figlio Giovanni in

Aziende 0 Commenti

Fallita la torrefazione Bonito

06-04-2016 – La torrefazione Caffè Bonito, attiva in Toscana da 26 anni e già in liquidazione dalla fine del 2014,  è stata dichiarata fallita dal Tribunale. Epilogo che ha reso

Aziende 0 Commenti

L’impegno per i disabili della Torrefazione La Genovese

05-12-2013 – La Torrefazione La Genovese collabora da anni con la Scuola Alberghiera di Alassio (SV) in supporto degli studenti e, in particolare, di quelli diversamente abili offrendo il proprio

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.