Nestlé apre un nuovo stabilimento produttivo in Messico per Nescafè

Con l’apertura della seconda fabbrica di caffè in Messico, che rifornirà i mercati delle Americhe e dell’Asia ed è dedicata alla produzione di Nescafé, il Paese sudamericano diventa per Nestlé il più grande produttore di caffè per volume.

Il nuovo stabilimento di Veracruz soddisferà la crescente domanda di caffè in Messico, Nord e Sud America e Asia“, ha affermato un portavoce di Nestlé.

L’altra fabbrica di caffè di Nestlé in Messico si trova più a ovest a Toluca, vicino a Città del Messico.

Importante l’impatto sul territorio in termini occupazionali: sono stati creati infatti fino a 1.200 posti di lavoro “diretti” grazie a un progetto costato 340 milioni di dollari. La metà dei posti di lavoro sarà occupata da donne.
Inciderà inoltre sull’economia locale poiché, come annunciato da Nestlé, l’acquisto di caffè verde dai coltivatori messicani aumenterà del 50% nei prossimi tre anni

Altrettanto importante l’impatto sull’ambiente, trattandosi si un sito che punta alla sostenibilità: dispone di sistemi di trattamento dell’acqua utilizzata e di ricircolo, con zero scarichi di acque reflue. Ha inoltre una caldaia a biomassa in cui i rifiuti biologici del processo di fabbricazione vengono utilizzati per generare l’energia che rappresenta il 70% del consumo necessario per la generazione del vapore utilizzato nell’intero processo produttivo.

Negli ultimi anni il caffè è stato una parte molto importante del portafoglio di Nestlé essendo considerato dalla stessa azienda come “il maggior contributorealla sua crescita organica delle vendite nel 2021.Su base organica, le vendite di caffè di Nestlé sono aumentate del 9,7% l’anno scorso, aiutate in parte dall’aumento del consumo domestico durante le restrizioni dovute al Covid-19.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: