Pausa caffè al distributore a rischio di contagio. La replica di CONFIDA

In un articolo pubblicato sull’edizione di Ravenna del quotidiano Il Resto del Carlino ancora una volta il distributore automatico viene additato come “luogo” in cui il rischio di contagiarsi resta alto. Un’affermazione che continua a circolare ormai da un anno e che non si riesce a sradicare, sebbene numerosi studi dimostrino che non esiste evidenza scientifica che comprovi il rischio di trasmissione del virus COVID-19 attraverso il tocco delle superfici.
A questo proposito, si veda lo studio dell’IRCCS – Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano.

Di fronte all’ennesimo articolo sul tema e all’ennesimo attacco al Settore, CONFIDA ha replicato affermando che “Non è alimentando inesistenti paure che si tutelano i lavoratori ma rispettando i protocolli di sicurezza!”.


LA REPLICA DI CONFIDA: I DISTRIBUTORI AUTOMATICI SONO SICURI


 Ormai diversi studi pubblicati su riviste scientifiche e importanti istituti di ricerca (es il Mario Negri di Milano) testimoniano che non esistono evidenze del contagio toccando superfici contaminate e non ci sono studi che provino che toccare il distributore automatico sia più rischioso dell’entrare in contatto con la maniglia di una porta o una scrivania”.

“È incredibile che a oltre un anno dall’inizio dell’epidemia da Covid-19 commenta il Presidente di CONFIDA Trapletti– si prendano di mira ancora gli oggetti anziché i comportamenti delle persone per giustificare il propagarsi del contagio. Non è alimentando paure che si tutelano i cittadini e i lavoratori ma rispettando scrupolosamente i protocolli governativi per gli ambienti di lavoro che, da un anno a questa parte, sono riportati in tutti i decreti per il contrasto alla diffusione del Covid-19. I distributori automatici sono sicuri perché i nostri operatori effettuano, durante i rifornimenti, accurate pulizie e sanificazioni e i nostri prodotti all’interno della macchina sono monouso. È sufficiente quindi rispettare poche e semplici regole per garantirci la nostra #pausasicura”.


RIVEDIAMO LE REGOLE 


I protocolli inclusi nei DPCM prevedono per tutti i luoghi di lavoro di informare i lavoratori, controllare la temperatura agli ingressi, creare delle procedure di accesso controllato dei fornitori esterni, l’attenta pulizia e sanificazione di tutti gli ambienti di lavoro, le norme igieniche personali come la pulizia frequente delle mani e l’adozione dei dispositivi di protezione individuale come mascherine e tanto altro ancora.

A questi protocolli CONFIDA ha aggiunto ulteriori linee guida con il progetto #pausasicura, 5 precauzioni che gli operatori della distribuzione automatica seguono per garantire ai consumatori una #pausasicura:

  • Garantiamo la sicurezza alimentare dei prodotti all’interno dei distributori attraverso contenitori monouso e alimenti preconfezionati
  • Abbiamo dotato gli operatori di mascherine, guanti e gel disinfettanti
  • Puliamo e igienizziamo i distributori automatici con appositi detergenti ad ogni rifornimento
  • Abbiamo intensificato la sanificazione dei nostri magazzini e dei furgoni
  • Informiamo il consumatore sulle corrette modalità di approccio al distributore

La #pausasicura prevede anche con 5 semplici consigli per il consumatore finale:

  • Recati al distributore automatico da solo ed evita assembramenti
  • Mantieni la distanza di almeno un metro dalle altre persone
  • Lavati le mani prima e dopo l’utilizzo del distributore automatico o usa il disinfettante
  • Una volta prelevato il prodotto non sostare nei pressi del distributore automatico
  • Gustati la tua pausa in piena sicurezza


 

5/5 (1)

Lascia una valutazione

Condividi su: