Starbucks e Uber Eats alleati in USA per le consegne di caffè

19-12-2018 – A soli 4 mesi dall’accordo col colosso dell’e-commerce Alibaba per le consegne a domicilio di caffè Starbucks in Cina, arriva l’annuncio di una nuova partnership, questa volta negli Stati Uniti, che vede insieme il gigante delle caffetterie e quello del trasporto privato, Uber attraverso la divisione Uber Eats.
L’iniziativa, che per il momento coinvolge 2.000 punti vendita Starbucks negli USA e si avvale del sistema di ordine e pagamento attraverso l’app dedicata, si pone l’obiettivo di far continuare a crescere i numeri della società anche sul suolo statunitense, dove conta circa 8.500 punti vendita. Un po’ come sta accadendo nelle 30 città della Cina in cui il sistema è stato attivato con grande riscontro da parte dei consumatori che trovano comodo ricevere il caffè a domicilio, sia in casa che nei luoghi di lavoro, sebbene l’attesa stimata sia di circa 30 minuti: un tempo davvero lungo rispetto alla rapidità con la quale si può erogare un caffè  inserendo una qualsiasi capsula in una macchinetta o semplicemente pigiando il tasto di una vending machine!

Starbucks

Precedente Giuseppe Lavazza a Gattinara per gli auguri di Natale ai dipendenti
Il prossimo Refix: la bevanda ad acqua di mare che combatte l'hangover

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Estero 0 Commenti

Nestlé produrrà meno dolci negli Stati Uniti

26-06-2017 – In un comunicato stampa del 15 giugno, Nestlé ha dichiarato che sta elaborando nuove strategie di business per il mercato americano. Nella nota viene precisato che alcuni marchi

Attualità Estero 0 Commenti

Svizzera. Il Canton Ticino uniforma la gestione dei d.a. nelle scuole

03-02-2015 – Interessante decisione del  Dipartimento dell’Educazione, della Cultura e dello Sport (DECS) del Canton Ticino che, a partire da settembre prossimo,  cambia le modalità di gestione dei distributori automatici presenti

Attualità Estero 0 Commenti

USA. No alle bibite dietetiche, sì allo zucchero

14-04-2016 – Il contrordine arriva dagli Stati Uniti dove per anni si è lottato contro l’uso dello zucchero, delle bevande e degli snack contenenti zucchero a favore di alternative quali dolcificanti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.