Wisecap® sviluppa Belty2, il tappo conforme alle richieste della Direttiva SUP

L’azienda italiana Wisecap® presenta Belty2, una chiusura attaccata al collo della bottiglia conforme con la Direttiva UE sugli articoli monouso (SUP).
La direttiva, che entrerà in vigore a partire da luglio 2024, impone che contenitore e capsula non possano separarsi (‘tethered cap‘), evitando in questo modo dispersioni di plastica nell’ambiente.


Il tappo BELTY2
 garantisce la migliore esperienza di consumo per l’utente finale, offre un approccio conveniente e sostenibile e rappresenta un’ulteriore proposta di Wisecap ® nel campo delle soluzioni tecniche conformi alla Direttiva UE 2019/904.

L’Amministratore Delegato del Gruppo Wisecap® Alessandro Delfanti spiega che “le aspettative dei nostri partner e clienti guidano i nostri sforzi quotidiani in termini di nuovi sviluppi. I nostri obiettivi sono definiti in termini di sicurezza d’uso, esperienza di consumo confortevole e, infine, siamo orgogliosi di presentare le nostre proposte per affrontare la nuova direttiva UE sulla plastica monouso”.

Precedentemente, infatti, Wisecap® aveva già prodotto SecureCap2, la chiusura abbinabile ai tappi per collo 1881, anch’essa progettata per offrire la migliore comodità possibile all’utente finale.


Wisecap® è il nuovo brand di CDS, gruppo italiano attivo dal 1977 nella produzione di capsule in plastica per beverage, costituito dalla CDS di Piacenza, Viroplastic Beverage di Calenzano (Fi), Viroplastic CZ in Repubblica Ceca, Manufacturas Inplast in Spagna e Viki Plast in Polonia.
Fondata da Piero Delfanti a Piacenza, Wisecap® è cresciuta grazie anche all’apporto della seconda generazione, guidata da Alessandro, figlio del fondatore. Una crescita internazionale basata non solo sulle acquisizioni, ma anche sull’aver fatto dell’innovazione l’asset principale della produzione. Ne è prova lo sviluppo nel 2015 del tappo in plastica per bottiglie d’ acqua più leggero d’Europa.
Ciò dimostra che Wisecap® ha sempre prestato molta attenzione alla sostenibilità e alle problematiche ambientali con un approccio mirato alle politiche di riduzione dell’impronta di carbonio.

4/5 (1)

Lascia una valutazione

Condividi su: