FLO SpA presenta la versione 2.0 del bicchiere HYBRID che riduce le emissioni del 40%

Era il 2012 quando FLO SpA, storica azienda italiana produttrice di monouso in plastica, lanciò il progetto HYBRID, consapevole che la ricerca di nuovi materiali, alternativi alle plastiche tradizionali, hanno un ruolo centrale nella riduzione dell’impatto ambientale.
Un impegno verso la sostenibilità preso allora, quando il fenomeno non aveva ancora le attuali dimensioni, raggiunte negli ultimi anni soprattutto sotto la spinta massmediatica dei movimenti plastic free.

Convinta che nessuna alternativa alla plastica possa raggiungere gli stessi standard di igiene e sicurezza e le stesse performance tecniche, la FLO si è sempre battuta per un corretto riciclo, intensificando contemporaneamente la ricerca di nuovi e altrettanto validi materiali.
Leader nella produzione di bicchieri per il comparto della Distribuzione Automatica, il bicchiere vending è stata la referenza su cui l’azienda ha puntato in maniera particolare. Una sfida, essendo il bicchiere automatico un prodotto tecnico che per design e termoresistenza non è sostituibile  tout court.
Come accennato, da questa consapevolezza nasce nel 2012 il progetto del bicchiere Hybrid, un progetto in continua evoluzione, sul quale l’azienda ha continuato ad investire.

Hybrid è un materiale innovativo creato sostituendo parte del polistirolo di cui sono composti i tradizionali bicchieri vending, con una miscela di sali minerali di origine naturale.
Con il materiale Hybrid sono oggi disponibili i più diffusi bicchieri vending del mercato Europeo, partendo dal 100L di capacità 10cl, il piccolo per il caffè espresso italiano, al best seller 165 L fino alle versioni di capacità superiore 150 EVO e 180 Thermo Wood.


L’analisi svolta sulla “carbon footprint” di un bicchiere Hybrid, corrispondente alla quantità di CO2 immessa nell’ambiente durante il suo ciclo di vita, ha attestato una riduzione di emissioni pari al 25% rispetto al modello standard realizzato in PS.


Con un successivo intervento di ECO design, FLO ha realizzato la versione 2.0 di Hybrid: 165 SC Hybrid 40, col quale è riuscita ad ottenere un abbattimento delle emissioni del 40%.


Hybrid è 100% riciclabile nella plastica e adatto ad essere immesso nel ciclo “RiVending”, che ne garantisce un fine vita di recupero e riciclo totale ed è certificato dall’ente indipendente DNV Business Assurance.


Lo studio relativo all’analisi e alla quantificazione della carbon foot print, è stato affidato all’ente indipendente DNV Business Assurance, in accordo agli standard internazionali ISO 14064, norma di riferimento per il monitoraggio e la misurazione di gas serra, e PAS 2050 che definisce i criteri per la misurazione del ciclo di vita (LCA) di un prodotto, determinandone il suo impatto ambientale.

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: