Il Regno Unito insiste sulla sugar tax

14-12-2016 – Nonostante i pareri contrari, in Gran Bretagna è stata presentata la bozza di legge che prevede la sugar tax, una doppia tassazione sulle bibite contenenti zucchero aggiunto, che la equipara ad altri Paesi in cui la normativa è stata già applicata, come Belgio, Francia, Ungheria e Messico.
Il direttore della British Soft Drinks Association Gavin Partignton, che ha promesso di seguire l’intero iter della legge affiancando i funzionari del tesoro, continua a difendere il comparto evidenziando come la letteratura scientifica non sia stata in grado di dimostrare la correlazione tra assunzione di zuccheri attraverso il consumo di bibite e l’obesità. Una battaglia condotta anche in altre nazioni, in alcuni casi senza successo, con l’obiettivo di ammorbidire il legislatore e non gravare troppo pesantemente sul comparto.
La sugar tax britannica prevede due soglie: una di 18 pence per litro, per bevande analcoliche con più di 5 grammi di zucchero per 100 ml; una di 24 pence al litro, in quelle che superano gli 8 grammi di zucchero per 100 ml.
Se la legge dovesse passare, essa entrerà in vigore a partire dal 2018, un tempo abbastanza lungo affinché l’industria del beverage possa adeguarsi modificando le proprie ricette. Cosa che peraltro molte società, come le multinazionali Coca-Cola e Pepsi stanno già facendo per rendere le proprie bevande più consone al trend salutistico che sta globalmente caratterizzando le scelte dei consumatori.

Sugar Tax
Sugar Tax

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su:
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.