Si torna a parlare di possibile aumento dell’IVA

15-12-2017 – In attesa dell’imminente approvazione della Legge di Bilancio 2018, tornano a rincorrersi le voci di un possibile aumento dell’IVA che, fortunatamente, non dovrebbe colpire le aliquote più basse (4% e 10%), ma solo quella del 22% che dovrebbe passare al 25. Tale aumento dovrebbe verificarsi tra il 2019 e il 2020 nel caso in cui l’Italia non dovesse riuscire a ridurre la spesa pubblica e ad incassare tasse sufficienti, magari recuperando fondi dall’evasione.
L’aumento automatico dell’aliquota IVA è parte delle clausole di salvaguardia, un meccanismo che scatta nel momento in cui il Governo non riesce a far quadrare i conti pubblici e che, logicamente, va a tutto svantaggio dei contribuenti. I beni, infatti, che andrebbero colpiti dall’aumento sono abbigliamento, calzature, mobili, elettrodomestici, strumenti musicali, servizi di lavanderia, riparazione e noleggio di abiti, parcelle dei professionisti, bevande gassate, superalcolici, spumanti, birra, succhi di frutta, vino e perfino l’acqua minerale.
Insomma, in caso di aumento, riusciremo ancora ad acquistare senza rincari alcuni beni di prima necessità, come olio, pasta, frutta, ortaggi e simili, ma dovremo con ogni probabilità rinunciare o ridimensionare qualche piccolo lusso.

IVA

IVA

 

Precedente Caffè Borbone completa l'iter per la certificazione CIC della cialda
Il prossimo Con Alibaba richiedi il test drive al distributore automatico

Autore

Potrebbe piacerti anche

Italia 0 Commenti

Comuni Consorzio FG/4. Esenzione TARI per i d.a. alla spina

06-06-2017 – A seguito di alcune circostanze, tra le quali maggiori costi per il trasporto dei rifiuti, i cittadini e le aziende facenti parte dei Comuni del Consorzio FG/4 (Cerignola,

Prodotti 0 Commenti

Levissima Bio Based Pet

23-07-2013 – Anche Levissima ha intrapreso un percorso di sostenibilità e ha lanciato sul mercato una nuova bottiglia in Pet 100% riciclabile. Il concetto su cui Levissima ha lavorato per realizzare il

Italia 0 Commenti

Amica Chips-Lay’s. Moratti scrive una lettera aperta a Ferrero

09-07-2014 – Per Alfredo Moratti, presidente di Amica Chips, l’accordo preso da Ferrero per la distribuzione in Italia delle patatine Lay’s di PepsiCo è stata una piccola delusione. In una

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.