Un’agente di macchinette per caffè molestata da un acquirente

03-09-2015 – Il fatto è accaduto a Vicenza, quartiere San Lazzaro, ed ha coinvolto una giovanissima rappresentante di macchinette per il caffè ad uso domestico, ignara del rischio che poteva correre nel regolare svolgimento della sua attività.

L’azienda per la quale la ventenne lavora era stata contattata da un uomo interessato all’acquisto di una macchina per il caffè e la chiamata era stata presa, molto probabilmente, dalla stessa ragazza, alla quale poi il 69enne vicentino aveva fissato un appuntamento dimostrativo.
Recatasi all’indirizzo, la ragazza si è vista aprire la porta da un uomo non più giovanissimo, a torso nudo, che l’ha invitata ad entrare ed ha immediatamente assunto atteggiamenti equivoci e tentato di sfilare la camicetta alla malcapitata. Non è ben chiaro come la giovane sia riuscita a chiamare sia le forze dell’ordine che il suo titolare, giunti velocemente sul posto.
L’uomo ha, naturalmente, negato tutto, anche di aver tentato di mettere la cosa a tacere dietro compenso di 50 euro.

Anche questo può essere considerato un rischio del mestiere, difficilmente prevedibile!

rappresentante macchinette molestie
rappresentante macchinette molestie
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.