UNI Genova: no alla plastica monouso, sì alle borracce

Genova21-02-2019 – In occasione della presentazione del primo Bilancio di Sostenibilità dell’Università di Genova, l’Ateneo ha illustrato i progetti che la vedranno impegnata nel futuro prossimo, tutti green oriented: meno consumi energetici, meno plastica monouso, maggiore responsabilità sociale ed ambientale.
L’obiettivo è quello di allineare l’Università ligure ad un ambito internazionale, equiparando le proprie scelte ai più recenti orientamenti europei, sia dal punto di vista legislativo che da quello, più concreto, che delle buone pratiche da attuare nel quotidiano, seguendo i principi di un’economia volta al risparmio energetico.
L’Ateneo genovese è il primo in Italia ad aver effettuato un’analisi del proprio Carbon Footprint realizzando che, mettendo insieme i consumi energetici legati all’uso di combustibili (ad esempio per i riscaldamenti) e quelli prodotti dagli spostamenti di studenti e docenti, il consumo dell’Università è di 26.000 tonnellate di Co2. Un quantitativo giudicato troppo “pesante” e che l’Ateneo si impegna a diminuire.

Sul fronte della cosiddetta Plastic Free Challenge, Adriana Del Borghi, delegata alla sostenibilità ambientale dell’Università di Genova, ha dichiarato:
Il primo intervento sarà sui distributori automatici e nel bando ci sarà la richiesta di eliminazione della plastica monouso, sia per l’acqua che per i succhi di frutta e le merendine. Stiamo, quindi, valutando di fornire alle nuove matricole delle borracce con il brand dell’Università, a questo si aggiungeranno controlli specifici, con Amga, per la qualità dell’acqua. Ogni borraccia, poi, attraverso un contatore, permetterà di capire il risparmio di plastica”.
Nel mirino anche i distributori automatici di caffè che dovranno essere “senza erogazione del bicchiere” in modo che ogni studente ed ogni docente utilizzino la propria tazza in porcellana, portandosela ovviamente da casa.

Precedente Bando di gara IIS "Via Domizia Lucilla" di Roma
Il prossimo Carpi. Progetto Salvasalute: distributori automatici lontani dai minori

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Cassa integrazione alla Perugina

20-02-2014 – Passato San Valentino e archiviata la superproduzione di Baci, la crisi torna a farsi sentire alla Nestlè-Perugina di San Sisto. La proprietà ha informato dell’intenzione di ricorrere alla

Attualità Italia 0 Commenti

Sangemini. Il passaggio alla Norda sembra cosa fatta

18-11-2014–  Manca l’ufficialità, ma secondo alcune indiscrezioni il Gruppo Norda avrebbe ricevuto il via libera dal Tribunale di Terni al concordato che sancirà il passaggio della Sangemini alla nuova proprietà.

Attualità Italia 0 Commenti

Fuori i distributori automatici “abusivi”!

05-01-2016 – L’amministrazione dell’ospedale civico palermitano ARNAS – Di Cristina Benfratelli ha preso posizione rispetto ad una situazione che si trascina da tempo: la presenza di distributori automatici “abusivi” all’interno

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.