Uno studio conferma: niente caffè ai malati di Alzheimer

13-04-2018 –  I ricercatori dell’Istituto di Neuroscienze dell’Università autonoma di Barcellona, in collaborazione con il Karolinska Institutet svedese hanno condotto uno studio in laboratorio per verificare se la caffeina potesse avere effetti positivi sui sintomi neuropsichiatrici della malattia di Alzheimer. Gli studiosi, cioè, hanno voluto verificare se l’intensità e/o la frequenza di stati mentali quali la depressione, l’ansia, le psicosi potessero essere annullati o almeno mitigati dall’assunzione di caffeina.
Lo studio, condotto sui topi che manifestano la malattia di Alzheimer in maniera molto simile agli umani, ha dimostrato che la caffeina non solo non ha effetti benefici sulla sintomatologia ma addirittura ne aggrava alcune manifestazioni, come la paura di tutto ciò che è nuovo (neofobia).
Gli stessi ricercatori confermano, invece, che nei soggetti sani la caffeina ha il potere di ridurre il rischio di ammalarsi di Alzheimer, svolgendo quindi funzione preventiva e non curativa, una volta che la malattia sia conclamata.

Alzheimer

Alzheimer

 

Precedente Si è inaugurata ufficialmente ieri 12 aprile la Nuvola Lavazza
Il prossimo SUZOHAPP acquisisce le linee di prodotto di Coinco

Autore

Potrebbe piacerti anche

Salute 0 Commenti

Scuola e sana alimentazione. Un invito anche per gli operatori vending

15-10-2015 – Segnaliamo l’iniziativa dell’Istituto Bonfantini di Novara che ha organizzato per domani, venerdì 16 ottobre, un Convegno o meglio una Giornata dal titolo “Cibo e Salute” con l’obiettivo di

Salute 0 Commenti

Le proprietà anticancro delle noci nelle donne

25-11-2013 – Uno studio condotto negli Stati Uniti su oltre 75.000 donne a partire dal 1980 (Nurses’ Health Study) ha dimostrato che il consumo di noci riduce il rischio di

Salute 0 Commenti

Bere caffè tiene il fegato in salute

30-10-2015 – Diversi studi scientifici assocerebbero il consumo di caffè a un effetto positivo nei confronti di malattie croniche, quali diabete, malattie cardiovascolari e neurodegenerative. Nel corso degli ultimi 20 anni, un numero

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.