20 città europee contro la plastica: ci sono anche Firenze, Milano e Torino

04-11-2019 – La sfida alla riduzione della plastica parte da Oslo, capitale verde europea 2019, e da Eurocities, il network che riunisce più di 140 grandi città europee alle quali si aggiunge una cinquantina di città partner. Oslo-Eurocities hanno lanciato una dichiarazione comune per ridurre i materiali monouso in plastica, alla quale hanno aderito per il momento venti città europee: Bergen, Braga, Bristol, Copenaghen, Gent, Guimaraes, Amburgo, Helsinki, Malaga, Mannheim, Mezitli, Munster, Oslo, Porto, Reims, Varna e Saragozza. Tre le città italiane firmatarie del documento: Firenze, Milano e Torino.

L’amministrazione comunale del capoluogo piemontese è particolarmente concentrata su questo obiettivo, come ha spiegato l’assessore all’ambiente Alberto Unia: “I rifiuti di plastica non rispettano i confini nazionali ed è un problema globale che richiede soluzioni internazionali in diversi settori e attori della catena del valore, comprese le autorità locali. In ambito locale, la nostra Amministrazione comunale ha elaborato il piano Plastic free per eliminare la plastica da tutte le forniture comunali. Sono in corso azioni pilota nelle sedi degli uffici anagrafici e una revisione dei capitolati per la fornitura di distributori automatici all’interno degli uffici comunali”.

La dichiarazione è diretta conseguenza della direttiva UE sulla plastica monouso, che mira a ridurre l’uso della plastica attraverso il riutilizzo e il riciclo dei materiali, che si può ottenere solo implementando un’efficace raccolta differenziata. Secondo la dichiarazione, le città firmatarie si impegnano a elaborare entro due anni un piano di azione articolato in più punti: la rimozione o la diminuzione importante dell’utilizzo di prodotti in plastica non indispensabili e dell’impiego di materie plastiche monouso; la cooperazione con le aziende e l’industria per incoraggiare la veloce riconversione dal consumo di materie plastiche monouso a prodotti sostenibili; l’istituzione di dispositivi per la raccolta differenziata di tutti i rifiuti di plastica.

Precedente IBG SpA contro la sugar tax: danno alla filiera, in linea con ASSOBIBE
Il prossimo Dispensa Zaniboni. 3 nuovi snack della linea Snatt’s realizzati con farine alternative

Autore

Potrebbe piacerti anche

Sostenibilità 0 Commenti

Zero Waste per lo stabilimento Nestlé di Parma

17-06-2015 – Nestlé Italiana si era assunta l’impegno di raggiungere in ogni stabilimento produttivo l’obiettivo “Zero Waste” e, lavorando in questa direzione, è riuscita tra il 2010 e il 2014 a  ridurre

Sostenibilità 0 Commenti

Vending a Km. 0. Il progetto “Massimo Cento”

12-10-2016 – Nato come spin off del Dipartimento di Management dell’Università di Torino, il progetto “Massimo Cento” è stato illustrato nel corso del Convegno “Responsabilità sociale d’impresa e consumo consapevole:

Sostenibilità 0 Commenti

Nestlé Waters e Danone lanciano NaturALL Bottle Alliance

06-03-2017 – Nestlé Waters, presente in Italia con il Gruppo Sanpellegrino, e Danone lanciano NaturALL Bottle Alliance attraverso la start-up americana ORIGIN Materials, un’azienda biotech con sede a Sacramento, in California. Insieme, i tre

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.