Bibo Italia al TG La7 sulla questione della plastica monouso

14-05-2019 – Di recente, l’emittente televisiva La7 ha dedicato un servizio del suo telegiornale alla questione della plastica monouso, sollevata dall’approvazione della Direttiva europea, approvata a marzo, che a partire dal 2021 mette al bando alcuni articoli di uso comune e per altri richiede una drastica riduzione, incentivando contemporaneamente all’uso di alternative sostenibili.
L’industria della plastica e del monouso italiane, leader  in Europa, vengono in tal modo fortemente penalizzate col rischio di chiusura o di una significativa riduzione dei posti di lavoro.
Intorno alla questione è nato un acceso dibattito, che vede le aziende coinvolte alleate nell’avanzare al governo precise richieste: maggior tempo per convertire l’attività o studiare materiali alternativi, l’implementazione del ciclo di recupero e riciclo della plastica, una maggiore educazione del cittadino verso le questioni ambientali e le corrette pratiche di smaltimento dei rifiuti.
Uno dei maggiori player dell’industria del monouso è l’azienda Bibo Italia, leader nella produzione di stoviglie in plastica, protagonista del servizio realizzato da la 7.

Clicca sull’immagine e seguilo!

La7

Precedente Ottimi risultati in pochi mesi per la startup FrescoFrigo
Il prossimo Nestlé delocalizza e taglia posti di lavoro in Svizzera

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

PepsiCo a bordo della flotta Costa Crociere

10-06-2014 – Grazie all’accordo biennale firmato con Costa Crociere, PepsiCo è fornitore a bordo di tutte le sue navi. L’accordo prevede la fornitura per due anni di Pepsi, Lipton Ice Tea

Attualità Italia 0 Commenti

Nuovo gestore: arriva la tassa sui distributori

08-07-2016 – Il piccolo Comune di San Fior in provincia di Treviso, in occasione del cambio di gestione dei distributori automatici installati in area di sua pertinenza, ha deciso di

Attualità Italia 0 Commenti

Ladro Vending smascherato dal d.a.

22-05-2015 – Credeva di averla fatta franca e, dopo aver attraversato i corridoi dell’Università della Sapienza a Roma col volto coperto da cappello e sciarpa per non farsi individuare dalle

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.