Osservatorio Nescafé Dolce Gusto: come vogliono il caffè gli italiani?

Nescafé Dolce Gusto ha presentato i risultati di un nuovo Osservatorio del Caffè* che svela esigenze, comportamenti e preferenze degli italiani amanti del caffè. Da sempre gli italiani sono appassionati di caffè, ognuno a modo proprio, tanto che ci vorrebbe un genio per soddisfare le diverse esigenze!

Per l’87% degli italiani la personalizzazione del caffè a casa rappresenta infatti un must, un trend cresciuto ulteriormente quest’anno in un periodo in cui le persone hanno trascorso più tempo a casa e approcciato con più varietà e qualità l’esperienza di degustazione del caffè. Dallo studio emerge inoltre che per soddisfare la variegata richiesta di come bere il caffè a casa, gli italiani desirerebbero una macchina del caffè in grado di trasformare in realtà tutti i loro desideri attraverso funzionalità che, come per magia, garantiscano esattamente quel caffè perfetto che cercano.

Tra le priorità assolutamente irrinunciabili a casa ci sono al primo posto la disponibilità di diverse bevande e tipi di caffè (52%), al secondo l’erogazione automatica di lunghezze differenti (50%), al terzo la possibilità di regolare l’intensità (34%) e al quarto la temperatura (32%).

Sul fronte della lunghezza del caffè oltre la metà degli italiani (51%) preferisce un caffè corto, seguito a lunga distanza (24%) dall’antitetico caffè lungo, mentre il ristretto conta il 12% delle preferenze e la tazza grande XL l’8%.
Analizzando invece le esigenze in tema di temperatura, il 70% preferisce un caffè caldo, mentre il 25% addirittura lo ama bollente. Il classico espresso rimane nel cuore e nel top della classifica dei tipi di caffè preferiti degli italiani fra le mura domestiche (58%), seguito dal macchiato (17%).

Le persone che, secondo la survey, si autodefiniscono abitudinarie (19%) amano anche sperimentare, esplorando la possibilità di variare (53%) alternando i gusti, mentre per coloro che amano il cambiamento (28%) non c’è un solo tipo di caffè, ma durante la giornata (68%) l’ispirazione per un sapore anziché un altro si modifica, e sorseggiare gusti diversi è anche una questione di compagnia (44%), di umore (33%) e stagionalità (20%). Quando gli italiani sono ispirati a provare qualcosa di diverso dal solito caffè preferito, la scelta principale ricade sul mocaccino/mocha (42%), seguito dal cappuccino (40%), da un goloso espresso con cioccolato (39%) e con caramello (34%).

Le nuove esigenze fanno emergere la voglia di gustare bevande, come cappuccino (35%)cioccolata (31%) e té (17%) che guidano le scelte delle persone quando si parla di bevande in capsula.
In un contesto in cui tante abitudini quotidiane sono cambiate, una consuetudine si conferma: il caffè è il re del risveglio, attestando la colazione (45%) come il momento della giornata nel quale si consumano più tazze di questa bevanda. Il 22% invece trova sempre l’occasione perfetta per gustarsi una pausa o una ricarica con un caffè in qualsiasi momento della giornata, mentre il 16% lo fa durante gli intramontabili momenti post pranzo e i classici break (16%).

Il caffè ha da sempre un ruolo di forte convivialità durante incontri con amici e parenti, ed è proprio in questi momenti che emergono le numerose sfaccettature di come gli italiani amino bere il caffè: non condividono necessariamente i medesimi gusti sul tipo e modo di gustarlo: oltre a un accordo che bilancia espresso e altri caffè (36%), il 21% tende a scegliere gusti completamente diversi tanto che l’83% vorrebbe poter accontentare le esigenze specifiche con una soluzione geniale in grado di personalizzare le bevande e far felici tutti.

Con la nuova Genio S, una gamma composta da tre macchine automatiche (Genio S, Genio S Plus, Genio S Touch) Nescafè ha voluto venire incontro alle esigenze degli italiani in fatto di caffè.


*Ricerca condotta da Nescafé Dolce Gusto su un campione di oltre 3.142 rispondenti aderenti alla community PREMIO di Nescafé Dolce Gusto su tutto il territorio nazionale, ambosessi, da 18 anni in su.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: