Rubano al distributore automatico dell’Avis, ma lo trovano vuoto

05-12-2018 – Nella notte tra il 30 novembre e il I dicembre dei ladri si sono introdotti nella sede di Bergamo dell’Avis (Associazione Volontari Italiani del Sangue), per scassinare il distributore automatico dell’ente per derubare – come prassi di questi episodi – le monete al suo interno.
Una pratica a cui, oramai, le cronache ci hanno abituati ma che in questo caso più che mai rivela l’inutilità e il doppio danno creato da tali gesti.
I malfattori, di fatto, hanno dovuto fare i conti con l’inesistenza di un bottino; il distributore automatico, infatti, è stato installato per offrire un caffè o una bevanda calda ai volontari che quotidianamente raggiungono l’Avis provinciale di Bergamo per donare sangue.
Un vetro rotto e una macchina manomessa sono quello che resta dell’ennesimo atto vandalico che risulta ancora più immotivato se si tiene conto che a subirlo è stata un’organizzazione di volontariato, che non trae profitto nemmeno dal distributore della sede.
Rassegnati e con un filo di ironia, i volontari Avis di Bergamo hanno confermato la notizia tramite il proprio profilo Facebook.

Precedente Ingenico ottiene la certificazione Bancomat per il gateway di pagamento Axis
Il prossimo Gli irresistibili di Citterio. Snack ambient genuini anche nel nuovo flowpack

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Gare vending. Una sentenza che lascia riflettere

27-10-2014 – Riportiamo integralmente la sentenza emessa dal Consiglio di Stato in riferimento alla lite che ha coinvolto la Gestione delle Ferrovie e Tramvie Vicentine, il Gruppo Argenta e la società

Attualità Italia 0 Commenti

Inaugurato il quarto Spinelli Caffè h24

02-12-2013 – Dopo Maglie, Gallipoli e Tricase gli Spinelli Caffè h24 fanno la loro comparsa a Lecce, capoluogo del Salento e splendida città barocca meta di tanti turisti. L’Azienda di

Attualità Italia 0 Commenti

Gluten Free: una legge potrebbe renderlo obbligatorio nei distributori automatici

06-11-2018 – Sono quasi 200mila gli italiani che soffrono di celiachia, ossia infiammazione cronica dell’intestino scatenata dall’ingestione di glutine. Eppure non in tutti i ristoranti è possibile ordinare pietanze prive

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.