Rubano al distributore automatico dell’Avis, ma lo trovano vuoto

05-12-2018 – Nella notte tra il 30 novembre e il I dicembre dei ladri si sono introdotti nella sede di Bergamo dell’Avis (Associazione Volontari Italiani del Sangue), per scassinare il distributore automatico dell’ente per derubare – come prassi di questi episodi – le monete al suo interno.
Una pratica a cui, oramai, le cronache ci hanno abituati ma che in questo caso più che mai rivela l’inutilità e il doppio danno creato da tali gesti.
I malfattori, di fatto, hanno dovuto fare i conti con l’inesistenza di un bottino; il distributore automatico, infatti, è stato installato per offrire un caffè o una bevanda calda ai volontari che quotidianamente raggiungono l’Avis provinciale di Bergamo per donare sangue.
Un vetro rotto e una macchina manomessa sono quello che resta dell’ennesimo atto vandalico che risulta ancora più immotivato se si tiene conto che a subirlo è stata un’organizzazione di volontariato, che non trae profitto nemmeno dal distributore della sede.
Rassegnati e con un filo di ironia, i volontari Avis di Bergamo hanno confermato la notizia tramite il proprio profilo Facebook.

Precedente Ingenico ottiene la certificazione Bancomat per il gateway di pagamento Axis
Il prossimo Gli irresistibili di Citterio. Snack ambient genuini anche nel nuovo flowpack

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Festa della Befana amara per gli operatori USSL senza l’incasso dei d.a.

08-01-2016 – Cancellata la festa della Befana organizzata dai soci del Circolo Ricreativo degli Operatori Socio-Sanitari di Vittorio Veneto (TV), i quali hanno dovuto rinunciarvi per motivi economici, oltre che

Attualità Italia 0 Commenti

Imperia. Furto di capsule e macchine per il caffè

30-09-2016 – 11 mila capsule di caffè, 2 macchine per caffè espresso, oltre 300 lattine di aranciata in formato vending, per un valore commerciale di circa 5 mila euro, è quanto

Attualità Italia 0 Commenti

Un vertice in Comune contro i furti ai distributori automatici

06-04-2017 – Il sindaco e l’assessore alla sicurezza del Comune di Sacile, in provincia di Pordenone, hanno preso posizione nei confronti di un problema che sta diventando sempre più urgente,

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.