Yomee: la macchina a capsule per fare lo yogurt in casa

13-09-2018 – Yomee è la prima macchina automatica a capsule che permette di realizzare ogni giorno yogurt fresco in casa.
L’ispirazione venne nel 2016 ad Ashok Jaiswal, CEO e fondatore dell’azienda, che iniziò a domandarsi se fosse possibile realizzare lo yogurt in casa. Da allora ha lavorato per renderlo possibile e così è nato Yomee.
Il processo è estremamente semplice e bastano pochi elementi per realizzarlo: la macchina e le capsule Yomee, del latte e uno smartphone.
La macchina è compatta e dal design semplice quanto esteticamente piacevole, è di sicuro una macchina da esporre nelle proprie cucine. L’app a disposizione dell’utente aiuta a scegliere il tipo di latte e dolcificante a seconda delle proprie esigenze, intolleranze, o al contenuto di grassi e zuccheri desiderato. Inoltre, tramite l’app o sul sito, è possibile consultare diverse ricette per gustare ogni giorno uno yogurt diverso con l’aggiunta di frutta, biscotti, cioccolato e tanto altro.
Per realizzare il proprio yogurt, bastano 3 semplici step:
1 . Si comincia versando il proprio latte preferito (fresco, aromatizzato, di soia, ecc) nel bicchiere in dotazione.
2. Si inserisce una capsula Yomee, che si dissolve completamente nel latte (la capsula, infatti, è al 100% solubile e non produce scarti).
3. Basta premere il pulsante e la macchina fa tutto da sola.
Per realizzare lo yogurt servono 6 ore, per cui il consiglio del produttore è di lasciare che la macchina funzioni di notte e godersi uno yogurt fresco a colazione. E grazie alle tantissime ispirazioni suggerite dalle ricette dell’app Yomee, si potrà gustare uno yogurt diverso ogni giorno.
L’azienda vanta un utilizzo di capsule che sono al 100% naturali e completamente solubili, così da non produrre rifiuti. Una scelta chiara di sostenibilità ambientale.

Per chi volesse approfondire il processo di produzione dello yogurt, durante le 6 ore necessarie per la realizzazione, sul sito ufficiale ci sono tutte le indicazioni.
Yomee prima bolle e mescola il latte per 15 minuti, poi lo raffredda e lascia cadere la capsula nel bicchiere. Qui manterrà una temperatura costante per 6 ore e al termine del processo raffredderà lo yogurt pronto fino a 10° C, per poterlo gustare al meglio.
Uno starter pack contiene una macchina, un bicchiere, un contenitore per il topping da inserire sul bicchiere, un coperchio e una confezione di capsule.

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
Precedente Venditalia 2018. Intervista con Alberto Begotti di Barry-Callebaut
Il prossimo IVS Group acquisisce la società forlivese Chicchecaffè srl

Autore

Potrebbe piacerti anche

Prodotti 0 Commenti

Cafè Zero. The Wave Experience Tour

16-07-2014 – Per l’estate 2014 Cafè Zero lancia due nuove referenze – Cafè Zero Cocco Shock e Cafè Zero Menta Shock  – due gusti freschi e giovani protagonisti di “The

Prodotti 0 Commenti

Succo di Aloe vera, la nuova idea negli snack di Zaniboni

23-03-2017 – Sono sempre più numerosi i consumatori attenti ai benefici dell’Aloe vera, una delle tantissime specie di aloe esistenti   ma indubbiamente tra le più apprezzate e utilizzate a scopo curativo

Prodotti 0 Commenti

Da Coges un sito dedicato ai corrispettivi e a BTDataKey

20-12-2016 – Coges è orgogliosa di presentare www.corrispettivi.info, il nuovo sito web dedicato alla chiave BTDataKey per la trasmissione dei dati fiscali nel vending. Il sito è stato pensato per fornire ai gestori italiani

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.