Uno studio de Il Salvagente riabilita la capsula di caffè

Il Salvagente13-05-2019 – Nel numero di maggio della rivista Il Salvagente è stato pubblicato un approfondito e rigoroso studio sulla capsula di caffè, in plastica e in alluminio, per verificare se vi fosse migrazione di contaminanti dal contenitore al contenuto e, di conseguenza, se vi fossero rischi per la salute.
L’analisi dei campioni di 11 diversi marchi di caffè è stato affidata  a tre diversi laboratori indipendenti e accreditati, ognuno dei quali ha approfondito un particolare aspetto della ricerca.

Al primo laboratorio è stato chiesto di verificare l’eventuale presenza di oftalati, bisfenolo e, nel caso della capsula di alluminio, di metalli pesanti nel contenuto. I risultati hanno sorprendentemente dimostrato che in tutti e undici campioni vi era nemmeno una traccia di questi contaminanti.

Al secondo laboratorio è stato chiesto di verificare se nel caffè vi fossero residui di contaminanti derivati dalla materia prima, come pesticidi, furani, acrilammide e micotossine.
I risultati hanno dimostrato che nel caffè dei marchi analizzati non vi è traccia di pesticidi. Per quanto riguarda l’acrilammide, una sostanza tossica probabilmente cancerogena che si sviluppa dalla cottura dei chicchi di caffè, si è verificato che il suo contenuto è pari alla metà del limite massimo consigliato dall’EFA. Stessa cosa per il furano, anch’esso derivato dal trattamento termico della torrefazione,  presente in quantitativi molto bassi.
Va detto, però, che questi risultati positivi sono il frutto dell’impegno delle aziende del comparto, in particolare dei torrefattori, che negli ultimi anni hanno lavorato per migliorare sensibilmente la qualità della loro produzione.

Infine, ad un terzo laboratorio accreditato è stata affidata la prova organolettica del caffè, il cosiddetto assaggio, che ha messo in rilievo pregi e difetti di ogni tazzina, con un risultato generale medio alto.

Lo studio de Il Salvagente affronta anche altri aspetti del mondo del caffè, come l’impatto ambientale dovuto alla non compostabilità delle capsule e alla difficoltà di smaltirle in maniera pratica e corretta o ancora le condizioni di vita dei coltivatori nei Paesi produttori. Uno studio ampio e interessante, in edicola nel numero di maggio della rivista.

Precedente FLO SpA porta in fiera le ultime novità green
Il prossimo Rheavendors a Eu’Vend con il nuovo format larhea goes coffee shop

Autore

Potrebbe piacerti anche

Caffè 0 Commenti

Quali sono i marchi di caffè più ricercati sul web?

02-02-2017 – Tote Next,  istituto di ricerca indipendente che opera in Italia e in Europa con un’esperienza più che trentennale, ha condotto un’indagine finalizzata ad individuare quali sono i marchi

Caffè 0 Commenti

CSC – Caffè Speciali Certificati: dalla Colombia un caffè intenso dal gusto bilanciato

12-07-2018 – L’ultima origine certificata da CSC – Caffè Speciali Certificati, è il San Cayetano, un arabica proveniente dal dipartimento di Antioquia, nell’area di Medellin, nel centro della Colombia. Al contrario dei caffè di questo

Caffè 0 Commenti

Viaggio in Centro America di CSC – Caffè Speciali Certificati

13-03-2017 – CSC – Caffè Speciali Certificati – l’associazione che promuove la cultura del caffè di qualità ed effettua periodici controlli sulle coltivazioni nei Paesi produttori, ha appena compiuto una missione in

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.