Uno studio de Il Salvagente riabilita la capsula di caffè

Il Salvagente13-05-2019 – Nel numero di maggio della rivista Il Salvagente è stato pubblicato un approfondito e rigoroso studio sulla capsula di caffè, in plastica e in alluminio, per verificare se vi fosse migrazione di contaminanti dal contenitore al contenuto e, di conseguenza, se vi fossero rischi per la salute.
L’analisi dei campioni di 11 diversi marchi di caffè è stato affidata  a tre diversi laboratori indipendenti e accreditati, ognuno dei quali ha approfondito un particolare aspetto della ricerca.

Al primo laboratorio è stato chiesto di verificare l’eventuale presenza di oftalati, bisfenolo e, nel caso della capsula di alluminio, di metalli pesanti nel contenuto. I risultati hanno sorprendentemente dimostrato che in tutti e undici campioni vi era nemmeno una traccia di questi contaminanti.

Al secondo laboratorio è stato chiesto di verificare se nel caffè vi fossero residui di contaminanti derivati dalla materia prima, come pesticidi, furani, acrilammide e micotossine.
I risultati hanno dimostrato che nel caffè dei marchi analizzati non vi è traccia di pesticidi. Per quanto riguarda l’acrilammide, una sostanza tossica probabilmente cancerogena che si sviluppa dalla cottura dei chicchi di caffè, si è verificato che il suo contenuto è pari alla metà del limite massimo consigliato dall’EFA. Stessa cosa per il furano, anch’esso derivato dal trattamento termico della torrefazione,  presente in quantitativi molto bassi.
Va detto, però, che questi risultati positivi sono il frutto dell’impegno delle aziende del comparto, in particolare dei torrefattori, che negli ultimi anni hanno lavorato per migliorare sensibilmente la qualità della loro produzione.

Infine, ad un terzo laboratorio accreditato è stata affidata la prova organolettica del caffè, il cosiddetto assaggio, che ha messo in rilievo pregi e difetti di ogni tazzina, con un risultato generale medio alto.

Lo studio de Il Salvagente affronta anche altri aspetti del mondo del caffè, come l’impatto ambientale dovuto alla non compostabilità delle capsule e alla difficoltà di smaltirle in maniera pratica e corretta o ancora le condizioni di vita dei coltivatori nei Paesi produttori. Uno studio ampio e interessante, in edicola nel numero di maggio della rivista.

Precedente FLO SpA porta in fiera le ultime novità green

Autore

Potrebbe piacerti anche

Caffè 0 Commenti

Gruppo Gimoka: rinnovata la certificazione Café de Colombia

19-11-2018 – L’ente colombiano di certificazione Cafecert ha rilasciato anche per il prossimo anno il marchio Café de Colombia per alcune delle referenze del Gruppo Gimoka; un importante riconoscimento che testimonia

Caffè 0 Commenti

Botta e risposta tra l’EFSA e il Consorzio Promozione Caffè

01-06-2015 – A seguito di uno studio condotto nei Paesi dell’Unione Europea, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha stabilito che bere più di 4 tazzine di caffè al

Caffè 0 Commenti

Il caldo mette in pericolo il caffè

18-04-2017 – Alcuni ricercatori dell’Università dell’Oregon hanno studiato gli effetti del caldo sulle piante del caffè per capire entro quanto tempo riescono a riprendersi dallo stress che subiscono quando si

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.