Formiche nel distributore. La Cassazione condanna il gestore

formiche06-03-2019 – L’episodio si era verificato nel 2015, quando era stata denunciata la presenza di formiche all’interno di un distributore automatico installato presso il Policlinico di Messina. L’intervento delle autorità preposte aveva determinato la confisca della macchina e il rinvio a giudizio del gestore, ritenuto responsabile del cattivo stato di manutenzione della stessa.
La causa è arrivata all’ultimo grado di giudizio, chiudendosi con la condanna da parte della  terza sezione penale della  Corte di Cassazione di Messina che ha confermato quanto già stabilito dal Tribunale.  Secondo i giudici ai fini del “reato di detenzione per la vendita di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione non è necessario l’accertamento di un danno alla salute, poiché è configurabile quando è accertato che le concrete modalità di conservazione siano idonee a determinare il pericolo di un danno o deterioramento dell’alimento, senza che rilevi a tal fine la produzione di un danno alla salute, attesa la sua natura di reato di danno a tutela del cosiddetto ordine alimentare, volto ad assicurare che il prodotto giunga al consumo con le garanzie igieniche imposte alla sua natura”.
Contestualmente, i giudici hanno disposto un nuovo pronunciamento in merito alla confisca del distributore automatico che potrebbe essere “prosciolto da ogni accusa”.

Viene spontaneo chiedersi se, verificatosi l’episodio, sia stata effettuata un controllo dello stato di salubrità dell’ambiente in cui la macchine erano installate: solitamente le formiche che invadono i distributori automatici provengono dall’esterno attratte dal calore e della presenza di zuccheri. È indiscutibile che sia a carico del gestore la responsabilità del controllo e dell’attenta manutenzione, ma sappiamo tutti che, per eliminare il problema, spesso non è sufficiente neanche la totale sostituzione dei distributori: in poche ore le formiche vi rientrano poiché vivono normalmente nell’ambiente circostante. E purtroppo i recenti episodi verificatisi in alcuni ospedali insegnano.

Precedente Pink is Good. Foodness sostiene la Fondazione Umberto Veronesi
Il prossimo A Eu'Vend & Coffeena tutte le novità dei sistemi di pagamento

Autore

Potrebbe piacerti anche

Attualità Italia 0 Commenti

Pietrasanta e Tortona. Opinioni discordi sul servizio vending

30-09-2015 – Negli ultimi giorni, la stampa locale dei Comuni di Pietrasanta e Tortona – rispettivamente province di Lucca e di Alessandria – ha dato molto risalto alle decisioni  prese

Attualità Italia 0 Commenti

Saltano gli accordi Perugina-Nestlé: lavoratori in stato di agitazione

13-06-2017 – Sono risultate tutte fondate le preoccupazioni degli amministratori locali e dei sindacati sul possibile “tradimento” del patto tra i vertici Nestlé e i lavoratori dello stabilimento Perugina che,

Attualità Italia 0 Commenti

La Valle dei Templi disseta i turisti col Vending

16-07-2018 – Il Parco Archeologico e Paesaggistico Valle dei Templi di Agrigento ha implementato alcuni servizi tesi a migliorare l’accoglienza dei turisti che, anno dopo anno, aumentano sempre di più.

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a Commentare questo post!

Lascia un Commento

Registrati solo gli utenti possono commentare.